Young Feelings

CHI ERO, CHI SONO, CHI SARO’

L’obiettivo è stato quello di verificare come un gruppo di ragazzi diciasettenni possa influenzare positivamente la comunità della quale fa parte, e se i social media, usati consapevolmente, possano contribuire alla costruzione di una comunità coesa, flessibile e creativa, favorendo l’aggregazione e la sinergia piuttosto che l’isolamento.

Il tema delle età della vita è stato il fondamento del percorso perché siamo tutti inseriti in gruppi sociali composti di persone di diverse età. Ad ogni età, sin da quando è molto piccolo, l’essere umano si trova a dover affrontare e risolvere un problema che continuamente si ripresenta: come fare a conciliare i propri bisogni, i propri desideri, i propri sentimenti, con i bisogni e le esigenze del gruppo di cui fa parte.

Molta attenzione è stata altresì rivolta alla relazione tra giovani e adulti: la qualità della vita è infatti profondamente legata allo sviluppo della consapevolezza emotiva e relazionale.

Infine si è lavorato sulla esplorazione di ciò che ragazzi sanno, pensano e sentono del chi erano, chi sono e chi saranno, all’interno della comunità a cui appartengono, che a sua volta è stata, è e sarà. Il fine è stato rendere i ragazzi consapevoli di essere portatori di una conoscenza, che può essere incrementata, rappresentata e condivisa con la comunità, con lo scopo a lungo termine di partecipare a modificare la comunità stessa in un processo di cittadinanza attiva che non riguarda solo l’esercizio dei diritti e dei doveri civili, ma anche la costruzione del “futuro che vorrei”.

Parallelamente il gruppo ha partecipato al progetto “Polvere negli occhi” coordinato dalla Prof. Galizia, che ha condotto un gruppo di artisti in una ricerca attorno agli stessi temi attraverso la realizzazione di opere creative.

Il lavoro del percorso formativo sarà esposto e condiviso con la cittadinanza in occasione di un evento pubblico di presentazione di Piazza100 che si terrà dopo l’estate .

Le iniziative del gruppo